Serena Giust

Digital wordsmith, driven by data.

User Experience e Micro Copy

Micro Copy, Macro Impact: User Experience Writing.

 

  1. Il mio percorso per diventare UX Writer
  2. Come diventare UX Writer, le skills richieste
  3. UX Writing, cosa significa?
  4. Con chi e come collabora lo UX Writer in un team di prodotto
  5. Come ascoltare i nostri utenti e scrivere meglio
  6. A/B testing e UX Writing
  7. Le basi dell’UX Writing
  8. 3 principi guida su UX Writing
  9. UX Writing, emozioni e concetti psicologici
  10. UX Writing e localizzazione dei contenuti
  11. Scrivere con le variabili, verso l’infinito e oltre

 

Il mio percorso per diventare UX Writer

Da piccola sognavo di fare la giornalista, girare il mondo con il taccuino in mano e la Bic dietro l’orecchio. In qualche modo credo che la scrittura sia sempre stata il filo conduttore della mia carriera, anche se crescendo le mie passioni si sono evolute di pari passo con la tecnologia.

Mi sono laureata scienze e tecnologie multimediali e ho conseguito un master in imprenditoria digitale presso H-Farm, luogo unico per intrecciare reti e opportunità.

Ho iniziato come editor per il blog di trivago, sono diventata poi social media manager. Dai lunghi approfonditi articoli ai post accattivanti su Facebook. Cosa è cambiato? Ho imparato a scrivere meno, a pesare di più le parole.

Da quasi due anni lavoro come UX writer per booking.com e mi occupo di user experience e microcopy. Collaboro con designer, developer, researcher ed altre professioni nella progettazione dell’esperienza utente. I miei testi sono diventati ancor più concisi, quasi trasparenti. La loro funzione non è più quella di intrattenere, ma bensì di guidare l’utente.

Ad oggi scrivo poco, pochissimo. Questo perché dietro ogni parola c’è un sacco di tempo speso in ricerca, analisi, strategia, progettazione. Ed è tutto quello che non si legge che rende affascinante il mio lavoro.

Come immagino il mio futuro di scrittrice? Invisibile agli occhi. Credo che sempre più UX writer si specializzeranno in interfacce conversazionali.

Anche se mia nonna vorrebbe che scrivessi un libro di fiabe per bambini. Quindi mai dire mai.

 

Continua a leggere: Come diventare UX Writer, le skills richieste

Torna alla pagina iniziale: User Experience e Micro Copy 

Scrivere con le variabili, verso l’infinito e oltre

Uno dei grandi misteri per me, prima di iniziare a lavorare in booking, era il come si costruissero frasi personalizzate, che si adattino al contesto, all’azione o alla persona.

Ecco quindi che ho imparato ad usare le variabili.

Sono dei placeholder che ci permettono di creare infinite variazioni della stessa frase. Sono degli elementi a noi sconosciuti nel momento in cui scriviamo, una sorta di collegamento tra il testo e il codice di programmazione. Possiamo così rendere il testo unico a chiunque lo veda.

Ecco quindi, che se voglio scrivere “Ciao Serena” scriverò “Ciao {user_name}” ed il nome potrà cambiare con quello del lettore. Ma posso anche scrivere “Ecco tutti gli hotel con piscina all’esterno” se hanno precedentemente cliccato su quel filtro, quindi scriverò “Ecco tutti gli hotel con {filter_1}”, per esempio.

Queste frasi possono diventare anche molto complesse ed elaborate ed è importante comunicare sempre con il developer in quali condizioni questa copy appare, sapere la logica che ci sta dietro.

Per approfondire il tema delle variabili, cliccate qui.

Le frasi con tante variabili ci permettono di personalizzare il messaggio e farlo arrivare unico ad un numero infinito di persone.

Questo per dirvi che quanto sia importante ricordare sempre che ogni nostra parola ha un impatto, le parole sono importanti ed hanno potere, in ogni contesto.

Sempre di più sentiamo parlare di design e linguaggio inclusivo, senza pregiudizi. Sempre di più dobbiamo pensare di rappresentare ogni età, sesso, etnia dei nostri utenti.

È un piccolo passo ed una grande responsabilità quella che ognuno di noi ha: comunicare in maniera opportuna per rimuovere ogni barriera.

 

Torna alla pagina principale: User Experience e Micro Copy